0578 63021 0578 63197 Viale delle Libertà, 345 53042 Chianciano Terme (SI) info@iviaggidialice.it

Le Domus del Mito e Luoghi del cuore FAI
30 agosto 2020

0
Prezzo
€65
Prezzo
€65
Prenotazione
Richiesta info
Nome e Cognome*
Indirizzo E-mail*
Messaggio*
Dichiaro di aver letto la informativa sulla privacy ex art. 13 dlg 196/03 e di accettare i termini in essa esposti. Acconsento quindi al trattamento dei miei dati e alla ricezione di materiale pubblicitario.
30 Agosto 2020
* Please select all required fields to proceed to the next step.

Prenota

Salva nella lista dei desideri

Adding item to wishlist requires an account

4984
1 Giorno
Persone max: 35
Dettagli Tour

Quota a persona: € 65

Partenza

30/08/2020

La Quota Comprende

viaggio in pullman Gt – pranzo in ristorante a base di prodotti tipici comprese  bevande -guida/accompagnatrice – assicurazione 

La Quota Non Comprende

ingressi, extra personali e tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”

Itinerario

Programma

Partenza in pullman per Sant’Angelo in Vado (Pesaro-Urbino) per la visita alla Domus di Mito, il più importante ritrovamento archeologico in Italia venuto alla luce negli ultimi 50 anni. Pavimenti musivi splendidamente conservati, l’intera articolazione di una grande Domus gentilizia eretta verso la fine del I° secolo d.C. ampia circa 1.000 metri quadrati e impreziosita da un ricco complesso di mosaici figurati bicromi e policromi. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio ci spostiamo di poco fino a giungere all’abbazia benedettina di San Michele Arcangelo tra i boscosi monti della Massa Trabaria, nella frazione di Borgo Pace, entrata a pieni voti nella lista “luoghi del cuore” del FAI. L’Abbazia sorge al crocevia di tre punti di valico, sulle pendici dell’Appennino Umbro-Marchigiano. La sua costruzione fu commissionata dai monaci benedettini tra il IX-X secolo. Del complesso originario di imponenti dimensioni oggi vediamo la veste tardo-romanica risalente al XII secolo, composta da chiesa, monastero e foresteria. Vi è un campanile a vela e tra le numerose opere conservate vi sono alcuni frammenti scultorei nella cripta che fanno ipotizzare una origine nel VI sec. d.C.; affreschi di scuola umbra della fine del XV sec. raffiguranti una Madonna in trono che allatta il Bambino, un San Rocco e un San Giuliano; un pregevolissimo Crocifisso ligneo attribuito alla scuola del Brunelleschi, una lunetta di Raffaellino del Colle. Per finire, una sosta in cima al passo appenninico per una rinfrescante passeggiata (quota 1000 m.t. s.l.m.) – Rientro in serata nei luoghi di origine.

Mappa

6 clienti stanno considerando adesso questo tour!